Comtec ct

COM&TEC è l’associazione professionale di riferimento per i redattori, traduttori e comunicatori tecnici italiani. L’associazione organizza seminari, conferenze e corsi per la formazione e l’aggiornamento dei professionisti della comunicazione tecnica in Italia.
L’attività dell’associazione copre tutti i campi di interesse della comunicazione tecnica, dalle norme alle tecniche di redazione, dall’utilizzo professionale dei tool software alle singole competenze specialistiche.
L’associazione dedica particolare attenzione ad approfondire gli elementi comuni alle attività di redazione e traduzione tecnica, per offrire percorsi di formazione interdisciplinari per redattori e traduttori tecnici.
Iscrivetevi alla nostra newsletter per essere informati sulle nostre attività (trovate il form di iscrizione nella colonna a destra in questa pagina)!

Formazione COM&TEC-ACIMAC-UCIMA-SBS 2016

Un anno, questo che sta per chiudersi, ricco di nuove collaborazioni e consolidamento di altre già avviate.
Durante un incontro del tutto informale in occasione del workshop dal titolo “Documentazione tecnica di qualità come patrimonio di aziende emergenti ed innovative a tutto vantaggio del cliente” che la COM&TEC ha tenuto all’interno della Fiera “FARETE” a Bologna l’8 Settembre u.s., l’idea di realizzare qualcosa tra COM&TEC e le Associazioni UCIMA ed ACIMAC appartenenti a FEDERMACCHINE.

Da lì una riunione e subito la pianificazione di un evento, tenutosi a Modena il 2 Dicembre u.s., dal titolo “Comunicazione tecnica innovativa a tutto vantaggio dei costruttori di macchine” che ha avuto molto successo e ha visto per la prima volta insieme COM&TEC, ACIMAC, UCIMA ed SBS.
Per le aziende costruttrici di macchine il tema della Comunicazione e Documentazione Tecnica è strategico, in quanto coinvolge aspetti commerciali, di marketing, innovazione e tecnologia correlati ad obblighi di Legge e responsabilità in capo ai costruttori.
Per questo, in quella stessa occasione è stato lanciato un programma di formazione, suddiviso in aree che riprendono alcune delle fasi fondamentali del ciclo della Comunicazione Tecnica per continuare a sensibilizzare, informare e formare sulle tematiche più attuali e di maggiore interesse per chi opera in questo settore, per chi si avvicina per la prima volta e per chi vuole approfondire.
SCARICA IL PDF DEI CORSI
La professione del comunicatore tecnico

Scrivere la procedura per installare un software o la centralina di un sistema antifurto.
Scrivere la guida rapida per accedere alle funzioni principali del vostro laptop o del vostro nuovo televisore di ultima generazione.
Produrre la documentazione di una macchina conforme alle normative vigenti nei diversi paesi in cui la macchina dovrà essere commercializzata.
Realizzare un video tutorial per illustrare il processo di rimozione di una parte meccanica.
Definire la strategia per lo sviluppo e la gestione di contenuti che dovranno essere pubblicati in diversi formati e per utenti diversi.
Saper definire tutti i passaggi di un processo editoriale efficiente, magari assistito da un CCMS e basato sugli standard più performanti.
Queste sono solo alcune delle attività che identificano la professione del Comunicatore Tecnico.
Le dizioni tradizionali di “manualista”, “redattore tecnico” o “technical writer” devono essere ormai considerate poco aderenti alle necessità di un mercato che richiede un profilo professionale “multi-dimensionale”.
L’attività di pura e semplice “scrittura” di un manuale è da considerare solo una delle dimensioni in cui il Comunicatore Tecnico opera.
Questa dimensione rimane al centro della sua attività professionale ma non è più sufficiente, da sola, per definire i diversi ambiti ed i diversi livelli operativi in cui un Comunicatore Tecnico può intervenire.
Il ruolo fondamentale di un Comunicatore Tecnico è quello di “spiegare” una tecnologia, nel senso più ampio del termine, rendendo semplice quello che spesso semplice non è, illustrando e facendo emergere tutti gli elementi utili all’utente che dovrà usare un certo prodotto, partendo da informazioni tecniche complesse per arrivare a definire informazioni chiaramente strutturate.
Il Comunicatore Tecnico è un esperto di comunicazione multimediale (quindi non solo scritta) e deve possedere un ampio spettro di competenze che vanno dalla pianificazione di un progetto di documentazione, alla raccolta e alla strutturazione e gestione delle informazioni, dalla produzione dei contenuti alla loro traduzione e localizzazione.
Il campo d’azione di un Comunicatore Tecnico va da una tradizionale scheda tecnica fino ad un Help on Line integrato in un’applicazione Web, dal classico Manuale Utente ad un Video Tutorial.
La comunicazione tecnica deve essere chiara, essenziale, completa. Mira a ridurre le complessità, è orientata al problem solving, dove il problema si identifica nel facilitare l’utente nell’uso di un prodotto.
Se fin qui, attraverso esempi concreti, abbiamo compreso di cosa si occupa il Comunicatore Tecnico, è attraverso l’individuazione e descrizione delle competenze specifiche che comprendiamo il suo ruolo fondamentale in una società caratterizzata da forti cambiamenti dal punto di vista innovativo e tecnologico:
– Competenze linguistico-culturali
E’ necessaria un’ottima conoscenza della lingua madre ed un’ottima conoscenza della terminologia tecnica richieste dalla tipologia di lavoro da svolgere.
Una buona padronanza almeno della lingua Inglese è ormai da considerarsi una basic skill.
E’ necessario usare il linguaggio più adatto all’utente a cui ci rivolgiamo ed esprimersi coerentemente.
In alcuni ambiti specifici, il Comunicatore Tecnico deve saper applicare le guide di stile e le regole dei linguaggi tecnici semplificati richieste in un determinato contesto.
Infine, deve saper integrare diversi tipi di comunicazione: la scrittura, le immagini e la grafica, i video, i principi della User Experience, la semiotica, i social media e il web.
Non ci sono confini netti e asciutti tra questi ambiti/discipline/modalità, sempre più fluidi e mutuamente contaminanti.
– Competenze tecnologiche
E’ difficile spiegare la tecnologia senza avere passione per la medesima e conoscenze tecnologiche.
Occorre che il Comunicatore Tecnico abbia confidenza con le tecnologie che deve descrivere (in ambito meccanico, elettrico, elettronico, etc.), ma occorre anche usare tecnologie specificamente richieste dalla propria attività.
Il Comunicatore Tecnico deve avvalersi di strumenti informatici di vario genere: strumenti di authoring (Word, Open Office), un HTML editor, un blog, un wiki, software e tecnologie per la gestione di siti Web, tecnologie specifiche (XML, XSLT, CSS, PHP, etc.) e strumenti per:
– l’elaborazione grafica e per il disegno tecnico (CAD)
– la gestione dei contenuti (CCMS)
– la strutturazione dei contenuti (DITA, S1000D, Information Mapping, Funtional Design, etc.)
– la traduzione dei contenuti (CAT Tools)
… e altre ancora.
Deve sempre mantenersi informato sui trend del settore e rinnovare continuamente la sua formazione in tutti gli ambiti che abbiamo indicato.
– Competenze sulle normative
In molti settori, in particolare nel settore della produzione delle macchine, il Comunicatore Tecnico deve tener conto ed avere conoscenza delle normative e degli standard di settore (a partire dalla Direttiva Macchine) e dei relativi vincoli imposti; tali vincoli si traducono nella definizione di contenuti conformi alle indicazioni dettate dalle norme.
– Competenze relazionali
Le informazioni spesso vanno estratte da risorse aziendali non strutturate, oppure vanno chieste agli SME (Subjet Matter Expert).
Il Comunicatore Tecnico deve relazionarsi con diverse figure aziendali (progettisti, installatori, ingegneri, etc.) ed entrare in contatto con diversi reparti (ricerca e sviluppo, produzione, comunicazione e marketing). Quindi, è necessario raccogliere feedback dai destinatari finali (utenti, rivenditori, consulenti, tecnici manutentori). Il Comunicatore Tecnico sintetizza i flussi informativi che provengono da tutti questi attori e deve possedere le capacità relazionali indispensabili per sfruttarli al meglio.
– Competenze gestionali
Il Comunicatore Tecnico deve inoltre, oggi più che mai, saper definire le fasi di un progetto editoriale, ottimizzare tutte le fasi del ciclo di sviluppo della documentazione, predisporre iniziative innovative e metriche per la valutazione dell’efficienza dei processi di produzione della documentazione, saper lavorare in team, saper motivare i collaboratori.
Premio Laurea COM&TEC: “Comunicazione tecnica: semplificare la complessità”

I° Premio COM&TEC”: Comunicazione tecnica: semplificare la complessità”
Scadenza: 31 Marzo 2016
“Comunicazione tecnica: semplificare la complessità” è un Premio per una tesi di laurea specialistica o di dottorato che abbia per oggetto la comunicazione tecnica.
A titolo esemplificativo vengono qui forniti alcuni esempi di argomenti oggetto della tesi di laurea:
1. profilo professionale del comunicatore tecnico;
2. manualistica tecnica multilingue;
3. grafica / illustrazioni nella comunicazione tecnica;
4. usabilità e accessibilità nella comunicazione tecnica;
5. requisiti formativi e competenze nella comunicazione tecnica;
6. localizzazione e gestione terminologica nel processo documentale;
7. nuovi media e loro impatto sulla comunicazione tecnica;
8. informazione intelligente;
9. realtà aumentata ed Internet delle cose;
10. software a supporto della Comunicazione Tecnica